SAVE THE DATE - 16 OTTOBRE WORLD FOOD DAY FAO 2019

Green new deal: l'Italia è coerente con questo obiettivo?

La parola ai giovani e ai contadini di tutto il mondo

16 ottobre @ Sala Stampa Camera dei Deputati ore 11.30

Intervengono

Mamadou Goita, rete contadina africana Roppa // Coordinamento della società civile al Comitato per la Sicurezza Alimentare Mondiale FAO 

Silvia Diwily della World March of Women del Mozambico // Coordinamento della società civile al Comitato per la Sicurezza Alimentare Mondiale FAO - Coordinamento Giovani

Un/a portavoce dei Fridays for Future  

Paola De Meo, Ong Terra Nuova

Modera, Monica Di Sisto, Associazione Fairwatch 
 

Il 16 ottobre - Giornata mondiale dell'alimentazione - alle ore 11.30 presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, rappresentanti di giovani, contadini, organizzazioni sindacali, produttori, donne e indigeni di tutto il mondo, insieme agli studenti dei Fridays for future, presenteranno ai giornalisti e ai membri del Parlamento e delle commissioni competenti le loro richieste e le loro proposte per sfamare il pianeta combattendo i cambiamenti climatici.

Come ogni anno alla FAO, proprio in quella settimana, la società civile prenderà parte alle riunioni del Comitato per la sicurezza alimentare mondiale (CFS).

Terra Nuova è parte attiva del Civile Society and Indigenous Peoples' Mechanism (CSM), il più ampio spazio dove le organizzazioni della società civile possono lavorare per sradicare l'insicurezza alimentare e la malnutrizione a livello globale. 

Quest'anno il tema centrale sarà i sistemi alimentari e la nutrizione,  l'agroecologia come paradigma migliore, secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, per affrontare allo stesso tempo la crescita della popolazione mondiale, la crescita del numero degli affamati e la crisi climatica nel pianeta. Un modello equilibrato e biodiverso, che, associato ai mercati territoriali ed al commercio locale/regionale  mette al riparo i sistemi di produzione agroalimentare da quegli impatti negativi delle politiche commerciali che, di recente, hanno colpito duramente anche i pochi prodotti "vincenti" dell'export italiano, che tanto pesano in termini sociali e ambientali sul nostro Paese.

Non ci può essere alcun Green New Deal, in Europa come in Italia, senza una transizione dall'agricoltura industriale intensiva all'agroecologia, e un ripensamento dei nostri sistemi alimentari. Ma questo dibattito in Italia è assente, mentre occorrerebbero misure urgenti per promuovere sistemi di produzione di piccola scala, il ricambio generazionale ed una semplificazione amministrativa che permetta loro l'accesso ai mercati. Mentre i giovani, nel nostro Paese come nel resto del mondo, prendono parola e manifestano per il loro futuro.

L'evento, realizzato nell'ambito del progetto "Nuove narrazioni per la Cooperazione", sarà anche l'occasione per presentare il nuovo rapporto "La Cooperazione italiana e la Coerenza delle politiche per lo Sviluppo sostenibile", dedicato ad alcune iniziative urgenti per assicurare la coerenza delle politiche italiane a livello nazionale e internazionale in tema di lotta ai cambiamenti climatici e agroecologia.

--------------------

Ricordiamo che trattandosi di una sala istituzionale è necessario l’accredito per i giornalisti che non ne fossero già in possesso. Per accreditarsi è sufficiente inviare, entro le 12 del 15 ottobre 2018, una mail a francesco.verdolino@hotmail.it indicando nome, cognome ed eventuale attrezzatura al seguito per riprese audio e video (telecamere, macchine fotografiche, ipad, ecc.) e facendo riferimento alla conferenza stampa. L’uso della giacca è obbligatorio.